mercoledì 22 aprile 2015

Interview with Donna Kuhn


Hello Donna,
I'm very glad you accepted to be interviewed.
First of all, I would like to ask you about your poetic work. When did you first realize you were writing a poem and what were you striving for? Do you think it was a conscious attempt to express definite feelings or was it mostly an instinctive gesture?

i kept diaries as a kid and by 14 i was writing poems, publishing at 18. i think i needed to write and express myself. i just heard words and sentences, i was very inspired by nature at first because i grew up in new york and it was not what my eyes wanted to look at.

What is “good poetry” for you? What kind of poetry do you like most or find akin to yours?
 
i am partial to experimental, cut up, language poetry, sound text poetry, digit, visual and video poetry also interest me, i like poetry mixed with other arts.

Has your poetry changed much over the years? Is there a unique, distinctive feature that all your poems share?

it's changed a lot. i no longer hear lines or poems. i write from dreams when i have them. i don't sit down and write nature or love poetry. i play with generators, cut up machines, google searches, sometimes mixing it with my own writing. it's a lot more experimental which amuses me. i sometimes laugh out loud while i'm writing.

How do you usually write a poem and what role do chance and mental association play opposed to rational thinking when writing? Do you aim to evocate material from the unconscious as surrealist and DADA artists sought to do in the twentieth century?

at this point it is all dada, surrealist, cut ups etc. i think i would have stopped writing if i just waited to hear poetry in my head anymore. every morning i look forward to playing with my machines.

To what extent are your poems examples of social and political criticism? Do you think poetry is an effective medium to express dissent?

i think that i work with social and political criticism indirectly. i use google searches and news feeds so those issues end up in there. i think it effective to express dissent but when things are really bad in the world it sometimes seems it's not enough.

Would you like to tell us a bit about your activity as a video and visual artist?

i have been doing visual art my whole life and have used poetry in collage (visual poetry) and as a caption for a drawing/painting and as titles. i really have not been able to choose between art forms so video is where it all comes together for me. i turned to video as a compromise because health problems keep me from readings, performances, rehearsals etc. it is how i keep dancing. i often use visual art, animations, poetry, speech synthesis, sound in my videos in one form or other. i sometimes have an issue i need to deal with but it is all somewhat improvisational. the video tells me what it's about and i listen. it no longer feels like a compromise, i love doing it. no one is telling me how to do my art, i'm not telling anyone what to do, it's portable.

Lastly, I would like to share one of your poems with the readers. Do you want to introduce it?
 
hmmmm, looks like the usual mix of original writing mixed with who knows what. i see the comedy, the repetition, the musicality

I KNOW YOUR QUINOA MIRROR 
 
the bread police drop their pain
historic ceo brakes, testify testify

police loot the curb
the baby is bad gifts

i know your quinoa mirror

your selfie baby, christ parked
and mixed your tapes while u
slept

your typewriter is real, i know
how quaint

they sold your girlfriend for the next fifteen years

go sing to the ball a big blue baby

i am a pb&j butcher, i have a squid tote bag
and bicycle rights

don't u realize it's forage?

they sold my girlfriend very down in the mirror

your organic fashion coos
u buy my garbage still

cross my baby baby baby baby
is a cold-press baby

try hard in your gluten free flannels
sold out, i can't cross my baby is all

i have $4 toast and thundercats
u are a mirror and i'm not helping
u are an exercise bag

throwaway baby, baby is not helping
mom has charms, she's big, bald and blue

u begin to cross the don't the don't the don't

ready made portland


Other links on Donna Kuhn:
 
http://picassogirl.tumblr.com (poetry pics and glitch gifs)

lunedì 20 aprile 2015

Quattro poesie di Herman Gorter. Traduzione di Maurizio Brancaleoni


I diritti d'autore delle traduzioni qui pubblicate sono legittima proprietà dell'autore e non possono essere riprodotte in alcuna forma e su alcun supporto senza previa autorizzazione.


Herman Gorter (Wormerveer 1864 - Bruxelles 1927), poeta olandese, fu uno degli esponenti più importanti del movimento dei Tachtigers (Ottantisti) che puntava a un rinnovamento in senso impressionista e naturalista della letteratura. Raggiunse il successo con il lungo poema Mei (Maggio), a cui seguì la raccolta Verzen (Versi), dove l'enfasi data al colore e alla sonorità della parola si accompagna a una sorprendente ricerca linguistica.
                                 

Gli alberi ondeggiano sulle colline

Gli alberi ondeggiano sulle colline
chiome silenziose nella nebbia
chiara luce soave di primavera.
La torre con il suo viso
al centro continua solenne a segnare le ore,
immagina ore, ore, ore che passano –
è da soffocare
in questi istanti,
non posso più sopportare
l'irritante risata,
soffoco
in questo folle, chiaro, solenne istante.


De boomen golven op de heuvelen

De boomen golven op de heuvelen
boomhoofden stil in de nevelen
lentelichte zacht lentelicht.
De toren met zijn gezicht
daar midden in wijst deftig nog uren,
verbeel je uren, uren uren –
't is om te stikken
in deze oogenblikken,
het kriebelend lachen
ik kan het haast niet verdragen,
ik stik
in dit krankzinnige lichte deftige oogenblik.



Di notte poi la vita le appare lucente e rossa

Di notte poi la vita le appare lucente e rossa,
quando petali di rosa volteggiano nel rosso lucente
nero brillante tra le mura, la camera rosso lago
e i giacimenti di sangue lago zampillano.

Come boccioli di rosa lei si sente crescere
occhi chiusi, fresco rosso sanguigno,
la sua testolina fiorita come campane rosse
di rose in un rosaio rosso intenso, così intenso.

La mattina quando si sveglia le rimane ancora
il desiderio che sia sempre e mai finita.


's Nachts dan is 't leven haar zoo hel en roode

's Nachts dan is 't leven haar zoo hel en roode,
dan waaien rozeblaan door 't roode helle
zwartfonkelend ommuurde, het plasroode
kamertje en springen plasbloedwellen.

Als rozeknoppen dik voelt ze dan zwellen
geloken oogen, bloedig frissche roode,
haar hoofdje zoo bloemerig als roode bellen
van rozen aan een rozeboom zoo rood, zoo roode.

Des morgens als ze waakt heeft ze nog over
verlangen dat het altijd was en nimmer over.

  

Vita, che dolce incupisci, per un momento riluci

Vita, che dolce incupisci, per un momento riluci,
nell'aria, la pioggia, la carezza dei piumati
o vita che dai e sempreancora acquieti,
o vita che pure appari sempreancora decisa,
che aleggi nelle camere, che abbondante rischiari
le strade, dove va e si abbandona il solitario
movimento degli occhi, chiaro, mai sognante,
vita braccio che si tende, circonda la testa, bacia guardando da vicino
gli occhi svegli, o tu che sfolgori, talvolta guizzi, talvolta appari rossa
ma costante incupisci, anche quando non c'è bisogno.

Leven, zoele omsomberde even inschitterde

Leven, zoele omsomberde even inschitterde,
in de luchten, de regene, de zachtstrijk gevederde,
o leven het gevende altijddoor stillende,
o leven dat toch schijnt het altijddoor willende,
het inzwevend kameren, het volop verlichtende
de wegen, waarlangs gaat het eenzaam uitzwichtende,
klaar, nimmer droomende oogenbewegen,
armstrekkend leven, hoofdomvattend, kussend zoo dichtbij aanziend tegen
de wakkere oogen, o schijnend, soms flikkerend, soms even roode
maar durend omsomberde, oòk zonder noode.


Il giorno ostenta i suoi raggi

Il giorno ostenta i suoi raggi,
il giorno celeste di vasta natura,
primavera in una luce
mai vista – la mussolina blu
splendente biancastra lassù,
soltanto il soldorato monocolo.

Dentro è calmo bagliore
perlaluce, neanche un raggio di sole.


De straalpralende dag

De straalpralende dag,
de aardwijde hemeldag,
lente in nooit geziene
licht – het blauw moesseliene
wittig schitt'rend omhoog,
alleen 't zongouden éénoog.

Binnen is kalm gepraal
paarllicht, niet één zonnestraal.


giovedì 2 aprile 2015

Intervista alla Gorilla Sapiens Edizioni

Grazie per l’intervista!

La mia prima domanda è: perché ‘Gorilla Sapiens’?
 
Molti pensano che sia un omaggio al libro di fantascienza di L. Sprague de Camp e Peter Schuyler Miller che nell’edizione italiana porta questo titolo. Invece si è trattato di una casualità. Dopo aver scartato piante e minerali, ci siamo orientate su un animale, ma visto che l’editoria è già popolata da molte bestie (nel senso di molti “nomi comuni di animali attribuiti a case editrici o collane”) ne volevamo uno un po’ particolare. In breve: una di noi ha proposto “Gorilla”, la seconda ha aggiunto “Sapiens” e la terza ha detto “ok”. Adesso non ricordiamo più chi ha detto cosa.


Quando e come nasce la Gorilla Sapiens Edizioni? Avevate già una linea editoriale precisa e se sì, avete maturato idee diverse nel tempo?

Nasce sulla carta alla fine del 2011, ma la prima pubblicazione è di giugno 2012. Linea editoriale… sì e no. Più che una linea editoriale, avevamo una sorta di “sentimento editoriale”, se mai può esistere qualcosa di simile. Sapevamo cosa non volevamo (narrativa di genere, saggistica), ma quello che abbiamo scelto è stato determinato forse da un riconoscimento in buona parte istintivo del valore di un autore. Credo che nel tempo stiamo affinando una vera e propria linea editoriale, e sono fiduciosa nel fatto che prima o poi riusciremo anche a definirla, ma non è detto che ci interesserà farlo. Per ora direi: storie e immaginari personali, fuori dai cliché, e possibilmente con un tono ironico o anche beffardo, che è quello più vicino alla nostra sensibilità di editrici e lettrici.

Qual è l’ingrediente che non può assolutamente mancare in un vostro libro?
Le pagine.
Pur autodefinendovi una ‘piccola casa editrice indipendente’, i vostri libri si trovano in librerie e sparse un po’ in tutta Italia. Nonostante tutto, pare che ci sia un discreto interesse per l’editoria indipendente. Che ne pensate? 
 
Ci autodefiniamo una piccola casa editrice indipendente perché lo siamo. Ed è per questo che i nostri libri si trovano in poche librerie sparse, non hanno una diffusione sistematica e capillare e restano tendenzialmente fuori dai grossi circuiti.
C’è sicuramente interesse per l’editoria indipendente tra librai altrettanto indipendenti. Ma il problema della distribuzione per i piccoli editori è cosa nota, anche se si stanno elaborando nuove strategie e sistemi alternativi che potrebbero dare un po’ di respiro e speranza a realtà come la nostra.

Che cosa direste all’acquirente incerto per convincerlo a comprare Lo sturangoscia?

Citerei un passo della prefazione di Alessandro Sesto: “Chi legge molto, come con ogni probabilità tu, lettore indipendente di questa prefazione indipendente di un’edizione indipendente, sa quanto sia raro un libro davvero diverso dagli altri, e come i tentativi di scrivere qualcosa di nuovo siano spesso così forzati e dolorosi che solo la fantasia di lavorare per il bene della Letteratura ci dà la forza di girare le pagine. Lo Sturangoscia invece […] sorvola la frontiera del consueto con la grazia di un aliante, offrendo al lettore un’esperienza di irrinunciabile immenso spasso.”

Grazie ancora per il vostro tempo e alla prossima!